Ricorsi

Scuola Fuori Mercato crede che i ricorsi giudiziari non possano sostituirsi alla partecipazione attiva dei docenti alle questioni che li riguardano.  Pensiamo, però, che possono essere uno strumento utile per farsi  valere contro delle ingiustizie. In particolare, crediamo che i docenti siano i primi a poter individuare le ingiustizie che li riguardano. Per questo Vi chiediamo di raccontarci la vostra problematica inviando una mail a scuolafuorimercato@gmail.com
Risponderemo tramite i nostri legali per valutare la giustiziabilità della vostra pretesa o anche un possibile intervento sindacale. 

Ricorsi per le categorie escluse dal concorso per abilitati bandito il 16 febbraio 2018

Con D.D.G. pubblicato nella G.U. n. 14 del 16 febbraio 2018 è stato bandito il concorso per il reclutamento a tempo indeterminato di personale docente nella scuola secondaria di primo e secondo grado riservato ai docenti “abilitati”.

Scuolafuorimercato propone due ricorsi collettivi a favore di due categorie ingiustamente escluse, ovvero gli ITP di vecchio ordinamento e i dottori di ricerca.

Non proponiamo ricorsi a pioggia, ma solo quelli che riteniamo fondati e alle specifiche condizioni che troverete nel modulo di adesione.

Le ragioni dei ricorsi le abbiamo affrontate qui  e qui.

Il costo del ricorso è pari a € 150, di cui € 135 per le spese legali e € 15 di sottoscrizione a Scuolafuorimercato.org, e si può aderire facendo pervenire il plico, secondo le indicazioni che trovate ai link di seguito, entro e non oltre il 19 marzo 2018.

PER ADERIRE:

 

Al momento proponiamo anche i seguenti ricorsi individuali:

RICOSTRUZIONE DI CARRIERA /SCATTI DI ANZIANITÀ/GRADONE STIPENDIALE – Ricorso al Tribunale del Lavoro rivolto al personale di ruolo per ottenere il riconoscimento dell’intera carriera lavorativa svolta, compresi gli anni di precariato svolto presso scuola pubblica e paritaria, ovvero gli scatti di anzianità e il corretto gradone stipendiale. Per chiedere la corretta ricostruzione di carriera occorre attendere la ricezione del relativo Decreto del dirigente, mentre gli scatti di anzianità e la giusta retribuzione possono essere richiesti al momento della nomina a ruolo.

MOBILITÀ 2017/2018 – Ricorso al Tribunale del Lavoro rivolto a tutti i docenti di ruolo che abbiano presentato domanda di mobilità per l’anno scolastico 2017/2018 non ottenendo la sede richiesta. Con tale ricorso si potrà chiedere il riconoscimento dell’attività svolta presso le scuole paritarie.

RISARCIMENTO DEL DANNO PER PRECARIATO DI LUNGO CORSO – Ricorso al Tribunale del lavoro diretto a docenti che abbiano svolto docenze in forza di contratti a tempo determinato (ad eccezione delle sostituzioni) per oltre 36 mesi, che non siano di ruolo e che non abbiano partecipato al concorso del 2016. Il ricorso mira ad ottenere un risarcimento del danno.

GRADUATORIE INTERNE – Ricorso al Tribunale del lavoro per ottenere il riconoscimento del servizio svolto presso le scuole paritarie.

Per quanto riguarda i costi per i ricorsi individuali sarà richiesto ai docenti per il deposito del ricorso il pagamento di un fondo spese legali e per il fondo di mutuo soccorso.  Solo in caso di vittoria vi sarà un pagamento della parcella ulteriore dell’avvocato. In caso di sconfitta, non vi sarà il pagamento della parcella ulteriore e inoltre Scuola Fuori Mercato sta predisponendo proprio un fondo di mutuo soccorso a cui attingere per l’aiuto al pagamento di eventuali condanne alle spese legali avversarie.